Diciottesima settimana


 

23.03.03
L'amore

31.03.03
Il gomitolo

06.04.03
La collina

13.04.03
La sedia

20.04.03
I bruchi

27.04.03
Il Principe

4.05.03
Lo scultore

11.05.03
I Boscaioli

18.05.03
La piccola Teresa

25.05,03
Il Violino

1.06.03
S. Michele G.

8.06.03
Le orme

15.06.03
PerchÚ

22.06.03
La caritÓ

29.06.03
Buon Ges¨

Bicchiere di latte
6.07.03

Un bambino
13.07.03

Il bamb¨
20.07.03

 

 

 

   La Redazione


 

E' il concetto per esprimere il nostro lavoro nell'ambito della realtÓ virtuale, sentendoci pi¨ che Volontari Fratelli delle Misericordie.

Buona settimana.....
a cura di Paolo Diani


Il bamb¨


In un magnifico giardino cresceva un bamb¨ dal nobile aspetto.
Il Signore del giardino lo amava pi¨ di tutti gli altri alberi.
Anno dopo anno, il bamb¨ cresceva e si faceva bello e robusto.
PerchÚ il bamb¨ sapeva bene che il Signore lo amava e ne era felice.
Un giorno , il Signore si avvicin˛ al suo amato albero e gli disse:
"Caro bamb¨, ho bisogno di te".
Il magnifico albero sentý che era venuto il momento per cui era stato creato e disse, con grande gioia:"Signore,sono pronto. Fa di me l'uso che vuoi".
La voce del Signore era grave:"Per usarti devo abbatterti !".
Il bamb¨ si spavent˛:"Abbattermi, Signore? Io, il pi¨ bello degli alberi del tuo giardino?
No, per favore,no!
Usami per la tua gioia, Signore, ma per favore, non abbattermi".
"Mio caro, bamb¨", continu˛ il Signore, "se non posso abbatterti, non posso usarti".
Il giardino piomb˛ in un forte silenzio.
Anche il vento smise di soffiare.
Lentamente il bamb¨ chin˛ la sua magnifica chioma e sussurr˛:
"Signore, se non puoi usarmi senza abbattermi, abbattimi".
"Mio caro bamb¨", disse ancora il Signore, "non solo devo abbatterti, ma anche tagliarti i rami e le foglie".
"Mio Signore, abbi pietÓ. Distruggi la mia bellezza, ma
lasciami i rami e le foglie!".
"Se non posso tagliarli, non posso usarti".
Il sole nascose il suo volto, una farfalla inorridita volo via.
Tremando, il bamb¨ disse fiocamente:"Signore, tagliali".
"Mio caro bamb¨, devo ancora farti di pi¨.
Devo spaccarti in due e strapparti il cuore.
Il bamb¨ si chin˛ fino a terra e mormor˛: "Signore, spacca e strappa".
Cosý il Signore del giardino abbattÚ il bamb¨, taglio i rami e le foglie, lo spacco in due e gli estirp˛ il cuore.
Poi lo port˛ dove sgorgava una fonte di acqua fresca, vicino ai suoi campi che soffrivano per la siccitÓ.
Delicatamente colleg˛ alla sorgente una estremitÓ dell'amato bamb¨ e diresse l'altra verso i campi inariditi.
La chiara, fresca, dolce acqua prese a scorrere nel corpo
del bamb¨ e raggiunse i campi.
Fu piantato il riso e il raccolto fu ottimo.
Cosý il bamb¨ divenne una grande benedizione, anche se era stato abbattuto e distrutto.
Quando era un albero stupendo, viveva solo per se stesso e si specchiava nella propria bellezza.
Stroncato, ferito e sfigurato era diventato un canale, che il Signore usava per rendere fecondo il suo regno.


 

 

 
 ©2000 volontari.org